logotype
img1
img2
img3

Iscriviti

Iscriviti per ricevere la newsletter della mamma appena nata.

Facebook


Home design ideas

Twitter

                  

Cerca

Genitori e Figli

Lulla, la bambola che fa dormire i bambini

Sempre sold out da due anni, aiuta i bambini (e i genitori) a dormire di più e meglio. A Bari è in vendita da Madre Natura (clicca qui)

Lulla Doll è morbida, proprio come le antiche doll di pezza, e aiuta i bambini a dormire sonni tranquilli. Questa bambola non è dunque un semplice giocattolo, ma un dispositivo realizzato a seguito di studi meticolosi e attenti.

Numerose ricerche hanno dimostrato come dormire vicino ai bambini (co-sleeping) agevoli il sonno dei più piccoli, in particolare dei neonati, rendendolo più sereno e prolungato.

La bambola è rivestita in cotone ed è lavabile anche ad alte temperature. E' particolarmente indicata per i bimbi prematuri tanto che gli sviluppatori della bambola hanno regalato alcuni pezzi agli ospedali islandesi e a numerose strutture in Africa e in Australia.

Alla base della mediazione c’è la comunicazione: cosa insegnare ai bambini.

Se la mediazione è un mezzo per entrare nel conflitto ed elaborarlo, cercando di gestirlo, è altrettanto vero che la comunicazione, quella con la C maiuscola, è il primo mezzo efficace e necessario per due importanti obiettivi: prevenire il conflitto ed attuare una buona mediazione, efficace, soddisfacente. È nostro il compito di fornire ai nostri figli, nipoti, alunni, conoscenti, dei modelli di comunicazione efficaci, nell’ottica di “donargli” i mezzi per vivere il domani il più serenamente possibile. È un nostro dovere quello di rendere i nostri bambini degli adulti coscienziosi, capaci di confrontarsi in modo assertivo, pronti all’ascolto e alla collaborazione. Il bambino è immerso in un contesto comunicativo costituito dall’ambiente famigliare dove, prima di tutte, si sviluppa la comunicazione non verbale, spesso sottovalutata, ma fondamentale. Il bambino riproduce schemi comportamentali comunicativi come gesti, espressioni, modi di agire, perfino di vestire, e lo fa naturalmente, senza rendersene conto “assorbe” il modo di essere dei genitori: questo costituisce quindi il primo mezzo a nostro favore per fornire al bambino dei modelli comportamentali corretti.

Mediazione. Quando tra cuori e menti l’energia diventa tensione

Mediazione, dal latino “stare nel mezzo”. In pratica: stare tra due fuochi. Si, perché spesso la comunicazione tra due persone salta come la corrente durante una tempesta e le due persone s’infiammano, diventano dei fuochi da domare prima che l’incendio diventi ingestibile. Quando tra cuori e menti l’energia diventa tensione,quando non si riesce a ripristinare il dialogo, ecco che subito la situazione sembra persa, stagnante.

Non è così: c’è un’ultima spiaggia, un ultimo salvagente, la mediazione. Una pratica umanistica introdotta da Jeaquline Morineau negli anni ‘90 del ‘900 in Italia, che prevede una serie di incontri (individuali e di coppia fino ad un massimo di sette) che vanno a focalizzarsi sulla ricerca degli episodi “sentinella” da cui scaturisce il conflitto e dei bisogni insoddisfatti che favoriscono la caduta dell’inestimabile patrimonio di ogni rapporto: la comunicazione. Il presupposto fondamentale perché la mediazione sia efficace? La disponibilità.

È giunta l’ora del Papà Camp

Come cambiare il pannolino in cinque mosse? Quale seggiolino per auto scegliere? Come calmare il pianto del neonato? E come fare tutto questo non per dovere ma per instaurare una relazione?

Questo il senso del Papà Camp, il laboratorio che sabato 14 ottobre impreziosirà la seconda edizione di HumanitasMAMA, appuntamento di Humanitas San Pio X dedicato alla cultura della prevenzione, informazione e del benessere in gravidanza.

L’Open Day del Punto Nascita non pensa solo alle mamme, dunque, ma anche ai papà, che in questa speciale palestra affronteranno nozioni base di puericultura e sicurezza (igiene del neonato, gestione del pianto, cambio del pannolino, trasporto in auto) e si confronteranno sul loro nuovo ruolo di padri per imparare ad accudire il bebè e vivere sin da subito la paternità in modo consapevole e attivo. 

Dalle 10 alle 17.30, inoltre, ginecologi, neonatologi, ostetriche, anestesisti e altri specialisti dell’ospedale saranno a disposizione dei genitori per rispondere ai tanti dubbi che precedono l’arrivo di un bambino.

Learning Tower (Torre d'Apprendimento) - Tutorial

COSA E'
E' un mobile pensato - a partire dall'approccio pedagogico di Maria Montessori - per sviluppare l'autonomia del bambino coinvolgendolo nelle attività quotidiane.

A COSA SERVE
La Learning Tower, o Torre d'Apprendimento, consente di condividere con il bambino il piano di lavoro della cucina, facendolo partecipare attivamente a molte attività: pesare gli ingredienti, lavare le verdure, assaggiare, mescolare, grattugiare, setacciare, travasare, ecc.

A CHI SERVE
Adatta a partire da quando il bambino è in grado di stare in piedi autonomamente, intorno ai 12 mesi, fino a quando l'altezza lo consente, generalmente intorno ai 30-36 mesi.