logotype
img1
img2
img3

Iscriviti

Iscriviti per ricevere la newsletter della mamma appena nata.

Facebook


Home design ideas

Twitter

                  

Cerca

Salute e Benessere

Immunostimolanti: i supereroi dell'inverno?

Eccoci qui, alle porte dell'inverno, a chiederci quanto spesso si ammaleranno quest'anno i nostri bimbi (ma anche noi stessi!). Alcuni medici consigliano il vaccino antinfluenzale per cercare di evitare il problema ma, in realtà, non è detto perché in questo caso si parla di protezione solo per uno o un piccolo gruppo di virus specifici; altri di aprire le braccia (ed anche i bronchi) ai malanni di stagione per nutrire la nostra personale coltivazione di anticorpi perché si sa, questo tipo di infezioni si ridurranno spontaneamente con la crescita (e nel frattempo?!) ed altri ancora consigliano i famosi IMMUNOSTIMOLANTI!
Ma cosa sono?
Come funzionano?
Sono veramente efficaci?

Reflusso gastroesofageo nei neonati: un rimedio dall’osteopatia

Come e perché le sedute con l'osteopata neonatale possono migliorare i sintomi in un bambino che soffre di reflusso gastro- esofageo.

Un disturbo molto comune che, nella sua forma meno grave, può essere notevolmente attenuato attraverso l’intervento dell’osteopata, l’allattamento al seno a richiesta e alcuni specifici accorgimenti che il vostro osteopata vi darà…..

"Signora, suo figlio soffre di reflusso gastesofageo", molte mamme si sono sentite dire queste parole dal medico e per molte è iniziato un lungo e difficile iter fatto di farmaci, esami, controlli, svezzamento precoce e sospensione dell'allattamento al seno !!!

Il reflusso gastroesofageo è uno dei disturbi che più frequentemente colpisce i neonati e angoscia i neogenitori. Nonostante il problema tenda a risolversi spontaneamente, nelle forme croniche si è costretti a ricorrere ai farmaci. Il reflusso in forma non patologica, tuttavia, non comporta necessariamente l’utilizzo di medicine: un trattamento particolarmente efficace, e indicato in questi casi,è il trattamento osteopatico.

Annegamento secondario

Educare i  nostri figli alla sicurezza del gioco e dell’acqua dovrebbe essere una regola di vita. O meglio una regola salvavita. 

Oggi parliamo di un incidente poco conosciuto che ogni anno, però, ruba la vita di molti bambini. Parliamo dell’annegamento secondario

Con annegamento secondario si intende la comparsa di complicazioni alle vie respiratorie e ai polmoni dopo un caso di quasi annegamento. Sono soprattutto i bambini piccoli a esserne colpiti.  

Quando si verifica - Dopo essere (quasi) annegati, possono trascorrere anche 3 giorni senza sintomi chiari che indichino che qualcosa non va. 
 
Si torna a casa con normalità, ci si inizia a sentire stanchi, ci si addormenta e spesso non ci si sveglia più.
Una vera tragedia senza apparente motivo. 

Lampade di sale: tutti i benefici

Le lampade di sale sono ionizzatori naturali che purificano l'aria emettendo una gradevole luce ambrata che crea un’atmosfera ovattata, rassicurante e calda.

L’effetto terapeutico si basa sulla sua capacità di purificare l’ambiente da virus e batteri, riequilibrare i deficit energetici dell’organismo e neutralizzare, rendendole inoffensive, le dannose emissioni elettromagnetiche presenti nel nostro ambiente.

Ne parliamo con la regina del sale, la titolare di Madre NaturaMimma Giardino.

Mal di schiena in gravidanza e dopo il parto : un rimedio dall’ Osteopatia

Sempre più in aumento le neo mamme seguite dall’ Osteopata per curare il mal di schiena causato dalle fatiche della gravidanza e dallo sforzo del parto.

Recenti studi suggeriscono che il 50% delle donne durante la gravidanza soffre di lombalgia che può persistere o  in alcuni casi presentarsi per la prima volta dopo il parto (in questo caso senza aver dato sintomi durante la gestazione).

Il mal di schiena in gravidanza è un problema molto comune che colpisce più della metà delle donne nel corso dei nove mesi, soprattutto fra il 5° e il 7° mese di gestazione. Detto ciò, alcune donne accusano problematiche di mal di schiena anche all’inizio gravidanza, sin dai primi mesi del concepimento. Ciò avviene nella maggior parte dei casi in donne che già hanno condizioni e sintomi preesistenti (quindi fattori di rischio) che lo stato di gravidanza non fa che incrementare, come ad esempio precedenti episodi di lombalgia, artrite, traumi al bacino e all’osso sacro e condizioni di sovrappeso.