logotype
img1
img2
img3

Iscriviti

Iscriviti per ricevere la newsletter della mamma appena nata.

Facebook


Home design ideas

Twitter

                  

Cerca

Gravidanza

Le 15 raccomandazioni dell’OMS per la partoriente

Nel 1985 l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha pubblicato un documento che, in 15 punti o raccomandazioni, fissa i diritti di una partoriente durante tutto il corso della gravidanza, in particolare riguardo alla necessità di ricevere un’adeguata assistenza dall’equipe medica e di pianificare con il ginecoloco o l’ostetrica tutti i momenti del travaglio e del parto.

  1. Per il benessere psicologico della neo-madre deve essere assicurata la presenza di una persona di sua scelta – familiare o non – e poter ricevere visite nel periodo post-natale
  2. A tutte le donne che partoriscono in una struttura deve venir garantito il rispetto dei loro valori e della loro cultura
  3. L’induzione al travaglio deve essere riservata solo per specifiche indicazioni mediche e in nessuna regione geografica si dovrebbe avere un tasso superiore al 10%
  4. Non c’è nessuna giustificazione in nessuna regione geografica per avere più del 10 – 15% di cesarei
  5. Non c’è nessuna prova che dopo un precedente cesareo sia richiesto un ulteriore cesareo per la gravidanza successiva: parti vaginali, dopo un cesareo, dovrebbero venir incoraggiati

Il corredino per l'ospedale

Diventare mamma è sicuramente una delle più grandi emozioni della vita e quando si accoglie in casa un cucciolo d'uomo bisogna prepararsi a farlo nel migliore dei modi. Chi mi conosce sa che sono in attesa del mio secondo bimbo (che arriverà per Natale) e quindi può immaginare quanto sarà convulsa la mia vita in questi ultimi mesi. E allora oggi parliamo di corredo. Diciamolo subito: il corredino perfetto non esiste, ogni mamma ha le proprie abitudini ma soprattutto le esigenze del neonato sono davvero minime (pannolini a parte).

Menopausa under 40 e gravidanza, solo una diagnosi tempestiva tiene viva la speranza di diventare madri

L’insufficienza ovarica precoce colpisce circa una donna ogni cento. «Il tempo è il primo ostacolo da combattere: i test diagnostici ormonali e genetici sono fondamentali per eseguire una diagnosi puntuale e non cancellare le possibilità di una maternità», spiega il centro per la fertilità ProCrea

 Diventare madri nonostante un’insufficienza ovarica precoce. «Il primo ostacolo da combattere è il tempo: con i test diagnostici ormonali e genetici è possibile eseguire una diagnosi puntuale e quindi scegliere il percorso più adeguato per non rinunciare a diventare mamme», spiega Marina Bellavia specialista in medicina della riproduzione del centro per la fertilità ProCrea di Lugano.

Quello che alle mamme non dicono. I retroscena della gravidanza svelati in un libro

Esami di ogni tipo, ecografie, raccomandazioni su cosa fare e cosa non fare, cosa mangiare, quanto ingrassare, dove e come partorire, i farmaci da usare o non usare. I nove mesi che precedono la nascita di un figlio sono all'apparenza quanto di più noto e codificato possa esistere: tutto sembra già detto e scritto. Eppure basta indagare un po', leggere con attenzione le fonti originali o scavare appena nel passato per scoprire che spesso la realtà è diversa da quella che pensiamo di conoscere. Ne parliamo oggi con Chiara Palmerini, collega e autrice del libro “Quello che alle mamme non dicono” (Codice Edizioni).

Chiara il tuo libro è ben lontano dall'idealizzazione romantica e retorica della maternità. Cosa ti ha spinto a scrivere nero su bianco i falsi miti che ossessionano tutte le donne in attesa?

La molla per il libro sono state le curiosità e le domande che io stessa mi sono fatta quando ero incinta, e il fatto di non aver trovato risposte che mi avessero soddisfatta del tutto. E poi sicuramente la voglia di provare a fare un lavoro di “indagine” con i ferri del mestiere – diciamo così - del giornalismo scientifico su un argomento, come la gravidanza, su cui si tende a rimanere molto in superficie e il fact-checking è assai poco praticato.

Parola d'ordine in gravidanza? Comfort

Durante questo delicato e bellissimo momento la futura mamma ha bisogno di comodità e comfort, sia negli abiti che indossa sia nelle scarpe. Il fisico della donna cambia e ha bisogno di cure speciali soprattutto durante gli ultimi mesi quando le gambe e i piedi sono più affaticati.

Oggi parliamo del noto marchio di scarpe spagnolo El Naturalista e per farlo prendiamo in prestito i loro consigli per le donne in attesa:

1 - Indossare scarpe che offrano il massimo comfort, che siano comode per il piede. Il comfort è uno degli aspetti più importanti di questo brand e viene conseguito grazie alle caratteristiche tecniche delle sue scarpe.

2 - Evitare tacchi alti perchè favoriscono una postura sbagliata caricando la schiena. Ma se si desidera indossarli comunque, i tacchi non dovrebbero superare i 3 cm in modo che il corpo mantenga il giusto equilibrio.

3 - In generale è importante che le scarpe abbiano una buona suola non troppo sottile. Le suole di El Naturalista sono comode e resistenti, il loro design permette una migliore postura e un buon equilibrio.