logotype
img1
img2
img3

Iscriviti

Iscriviti per ricevere la newsletter della mamma appena nata.

Facebook


Home design ideas

Twitter

                  

Cerca

Provati per voi

Borracce termiche #backtoschool

È agosto, piena estate, ma noi siamo appena entrati nel tunnel "back to school". Giorgio a settembre inizierà la prima elementare e stiamo acquistando tutto il necessario... rispettando rigorosamente i suoi gusti. Di acquisto in acquisto stiamo etichettando tutto come da prassi scolastica.
La scorsa settimana abbiamo dedicato un pomeriggio alla scelta e personalizzazione della borraccia termica (arrivata oggi, in foto), uno degli accessori che non deve mai mancare nello zaino dei nostri figli. Indispensabile da portare a scuola ma anche in vacanza, in gita o al mare. 

Può essere utile per trasportare bevande calde o per custodire bibite dissetanti (facendo sempre attenzione a non versare liquidi troppo freddi per scongiurare eventuali congestioni).
Visti i molteplici usi è fondamentale acquistare prodotti di qualità e duraturi.

Compiti per le vacanze e back to school

 

 Quali sono i compiti per le vacanze davvero necessari?
Quali favoriscono realmente l’apprendimento?
E’ giusto passare interi pomeriggi sui libri?
La risposta che più frequentemente ricorre è fin troppo ovvia: i compiti a casa servono allo studente per imparare a memorizzare i contenuti dell'insegnamento.

Questo è un tema che mi perplime da tempo. 
Già tre anni fa mi interrogavo sui "Compiti per le vacanze che vorrei per mio figlio". All'epoca Giorgio aveva solo due anni. 
Come passa in fretta il tempo. 
Adesso il mio primogenito ha 5 anni ed a settembre affronterà le elementari.
Varcherà la soglia della "prima elementare".
Inizieremo a fare sul serio.

Sarà facile? Sarà difficile? Boh.
Lui è un bimbo che si impegna a giorni alterni.
Giorgio rispecchia alla perfezione il detto "volere e potere".
Se si impegna è davvero bravo ma se ha la testa al gioco (ed a 5 anni è ancora consentito) non c'è disciplina che tenga. 

Bubuk, la storia del tuo bimbo sotto l'albero

Sull'importanza della lettura nei primi anni di vita dei bimbi siamo tutti d'accordo, vero? 

Quante paure si ridimensionano se raccontate dalla voce rassicurante della mamma che per il piccolo è magia.

Lo stare insieme, il condividere la lettura, magari accoccolati teneramente vicini, crea un senso di appartenenza indescrivibile.  

Leggere dovrebbe essere per ogni bimbo uno svago al quale ricorrere spesso, un piacere, un rifugio. 

Che fare però se il piccolo non è interessato affatto alla lettura? Quale stratagemma può utilizzare una mamma che ama leggere e vorrebbe trasferire al figlio l'importanza di questa attività?


Sorprenderlo.

Recensione Dyson 360Eye

Che invenzione fantastica. E' un piccolo concentrato di alta tecnologia ed è un grande alleato per tutte le donne. Lo utilizzo ormai da un mese e non posso più farne a meno. 
Ho programmato tramite app (che comodità pazzesca) la pulizia quotidiana della casa. 

Il 360 Eye si accende, all’orario da me indicato, tutti i giorni in automatico. 
Pulisce due o tre stanze, sale sui tappeti, dribbla tavoli e sedie e torna alla base di ricarica. 
Tutto avviene in completa autonomia. 
Io mi limito solo a controllare da smartphone la mappa dei mq effettivamente puliti, a svuotare (con un semplice click) il contenitore di raccolta e a controllare ed eventualmente pulire la spazzola in nylon e fibra di carbonio. 
Promosso a pieni voti. 
Consiglio l'acquisto.

Gattonamento e pulizia della casa

Gabi ha 10 mesi ed è in piena fase esplorativa. Ha iniziato da qualche settimana il suo viaggio alla scoperta dell’ambiente che lo circonda e ormai striscia che è una bellezza. Con il secondo figlio ho scoperto che la fase del gattonamento è fondamentale per i piccoli.

Andando a gattoni rafforzano le connessioni tra i due emisferi cerebrali e creano piste d’informazione cruciali per la maturazione delle diverse funzioni cognitive. Gattonando i piccoli imparano che il braccio destro si muove in sincrono alla gamba sinistra ed il braccio sinistro alla gamba destra. 

Sviluppano infatti il cosiddetto pattern crociato, funzione neurologica che rende possibile lo spostamento corporeo organizzato ed in equilibrio del corpo umano.