logotype
img1
img2
img3

Facebook


Home design ideas

Twitter

                  

Cerca

Al cinema col bebè

Bari– Ultimo appuntamento - prima della pausa estiva - di “9 mesi e ½ - Al cinema con il bebè”, la prima rassegna cinematografica pugliese che riporta nelle sale neomamme e neopapà con bimbi al seguito. Una vera e propria opportunità di svago, incontro, socializzazione e dialogo tra neomamme in un ambiente familiare e ‘mondano’. 

L’appuntamento è al Multicinema Galleria - venerdì 23 maggio (ore 16.30) con GRACE DI MONACO, di Olivier Dahan con Nicole Kidman, Paz Vega, Tim Roth, Frank Langella

 

Il colore di una città per le mamme e i bambini

città a misura di bambino

BARI –  Di che colore è una città per mamme e bambini? Com’è? Ha i disegni per le strade e i fasciatoi sotto le pensiline degli autobus? Cosa non deve mancare e cosa invece dovrebbe essere eliminato? Noi ce lo domandiamo da quando esiste comenasceunamamma.it e questa volta abbiamo deciso di parlarne con Fabio Losito, Assessore alle Politiche Giovanili del Comune di Bari.

L’appuntamento è mercoledì 21 maggio, alle 18:30  c/o Lux Lab Bari (Via Calefati 92), uno dei pochi esercizi commerciali baresi ad avere una poltroncina per l’allattamento. Serena Fortunato  (blogger e ideatrice di CNUM insieme a Benedetta Maffia) e Fabio Losito parleranno delle prospettive di una città accogliente e accessibile.

Mamme e crisi: nel 2013 la spesa per i figli cresce del 2,1%

Roma - (Prima Pagina News) - Nel 2013 le mamme italiane hanno speso 1,93 miliardi di euro in prodotti alimentari e di pulizia per i propri figli (+2,1% rispetto al 2012). E’ quanto emerge dal 2° Rapporto annuale sui comportamenti d’acquisto nella maternità, (Panel MaterCom – composto da 2000 mamme in tutta Italia con figli da 0 a 36 mesi o in stato interessante) realizzato da Marketing Management, Istituto di ricerche statistiche e sondaggi di opinione, e presentato oggi all’Università IULM di Milano. Secondo il Rapporto, nel 2013 le famiglie italiane hanno cambiato la composizione della spesa di prodotti dedicati ai più piccoli: se da un lato è diminuita infatti la spesa verso i prodotti alimentari, che rappresenta circa il 55% degli acquisti in valore (la scelta è stata reindirizzata verso brand più economici), dall’altro, è aumentata la spesa in prodotti per la pulizia.

Presunto pedofilo in azione, una madre se ne accorge e salva il figlio

La paura che un pedofilo possa circuire un figlio è l'incubo peggiore di un genitore. Un incubo che si stava realizzando in un centro commerciale a Derby, a nord di Londra. Una donna stava camminando dentro la struttura con il passeggino e il figlio.

Quando il piccolo è stato fermato da un anziano, di circa 80 anni, con un cappotto scuro e un berretto. L'uomo ha cercato di prenderlo per mano e portarlo verso di sé.

La critica di Greenpeace in Germania. McDonald permette la gene-alimentazione

La critica di Greenpeace in Germania. McDonald permette la gene-alimentazione. Dall'inizio di aprile, la catena di fast-food permette l'uso di mangimi geneticamente modificati ai suoi fornitori di pollo

Un portavoce di McDonald Germania ha confermato ieri domenica 27 aprile a Monaco di Baviera un rapporto della rivista "Der Spiegel" secondo cui dall'inizio di aprile, la catena mondiale di fast-food permette l'uso di mangimi geneticamente modificati ai suoi fornitori di pollo.

Lo sfondo riguarda le informazioni fornite dai fornitori nazionali ed internazionali che essi "non possono garantire una sufficiente quantità di alimenti non geneticamente modificati in termini commercialmente ragionevoli", con l'inizio del secondo trimestre del 2014, ha detto il portavoce. L'organizzazione ambientalista Greenpeace ha criticato il rapporto di "Der Spiegel".

Per Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, un'altra cattiva notizia dal mondo globalizzato dei fast food che impone ancora una volta una seria riflessione delle istituzioni europee su come sia necessaria una regolamentazione urgente a livello europeo che garantisca che in Europea non possano essere utilizzati OGM.

Giovanni D'Agata